Marcy la stragnocca desiderosa

La stragnocca desiderosa di tanto sesso

Tra un rumorino e l’altro, ho fatto avanti e indietro dalla cucina per un bel po’ di volte, mentre Marcy sorrideva e, guardandomi dal divano, mi sembrava divertita dell’idea che qualcuno potesse prendersi cura di lei, lei la classica vicina della porta a fianco, sempre tutta indaffarata ad andare al lavoro e, soprattutto, mai in compagnia di qualche tipo.

Il sugo ormai era quasi pronto e, quindi, le ho chiesto quale pasta volesse “per me, se li hai, i fusilli…” e io le ho detto “ahh, piacciono pure a te? Sono i miei preferiti!”, così lei mi ha risposto “grande, sono davvero i migliori, poi con quel buon sugo….mmmmmhhhh” e io le ho sorriso per risposta, facendo sorridere a sua volta pure lei.

Quindi a quel punto, la discussione è passata su un argomento scottante “ma, dimmi Andrea, tu sei da solo?” e io le ho risposto “sì, sono single da un po’ ormai…” e lei mi ha detto “anch’io, non riesco proprio a trovare qualcuno con cui stare, dopo un po’, mi accorgo di essere sempre presa in giro”, così io le ho detto “è proprio così, a questo mondo…”

Un bacio sul divano di casa

Mentre abbiamo continuato a parlare, così, lei di fronte a me, mi sono accorto che ormai qualcosa di magico si era creato tra di noi, così, mentre attendevamo di cenare, avvicinandomi a lei, sempre più, ci siamo baciati dolcemente su quel divano, con una naturalezza che mi è sembrata da subito invincibile, qualcosa di unico, che mi ha travolto davvero il cuore e mi ha fatto trasalire.

Le nostre lingue si sono cercate e rincorse per un bel po’ di tempo, ormai la voglia di condividere sul momento unico ci ha sopraffatti, e così, tra una limonata e l’altra, le sue mani sono finite sul mio petto, le mie anche: e mi son ritrovato a toccarle quelle bellissime tette, davvero meravigliose ed irresisitibili.

Marcy mi ha toccato l’uccello, da sopra i pantaloni, sentendolo già abbastanza in tiro, e levandomi la lingua di bocca, mi ha sussurrato “mmmmh, che bello stallone: questa sera farà gli straordinari” e io, a quel punto ormai non sono più riuscito a stare nella pelle, dicendole “non vedo l’ora di fare gli straordinari per te, Marcy.”

Dopo averle levato quella magnifica magliettina, mi sono ritrovato tra le mani quelle magnifiche bocce, sode e prosperose, che ho iniziato a sbaciucchiare e a succhiare dolcemente, mentre lei si è subito eccitata “ohhh, sì, dai, fammi sentire come ti piacciono le mie tette” mentre io continuavo senza sosta a toccarle e leccarle.

L’ho spogliata, e sono arrivato alla sua vita, facendo scivolare quei jeans, e poi, anche quelle meravigliose mutande, hanno lasciato spazio alla mia fantasia: di fronte a me, quella sua splendida fighetta rasata perfettamente, senza nemmeno un pelo, che mi sembrava davvero un dono divino in quella serata.

Dopo esser rimasta sul divano a gambe aperte, la mia bocca ormai non poteva non finire sulla sua meravigliosa figa: e ho preso a sbaciucchiarla, teneramente, mentre lei si eccitava senza trattenersi, si lasciava andare con gemiti appena percettibili, sottili come quella sua finezza e quella voglia di esser posseduta.

“Dai, sono tutta tua, fammi godere, ohhhhh siiiiii” mugolava Marcy, mentre con la mia lingua l’ho leccata tutta, per farla eccitare: e mi è piaciuto subito vederla così su di giri, incapace di resistere agli stimoli, godereccia e disinibita come non mai “oooh, leccamela, siiii, che bello, daiiii, ohhhhhhhhh”.

Mi sono quindi fermato un attimo, per assaporare tutta la sua eccitazione, e le ho detto “dai, prendimelo in bocca, dimmi che ti piace succhiarlo” e lei “non vedo l’ora, dammelo, dai, lo voglio tutto” e dopo avermi sfilato i pantaloni, e i boxer, Marcy l’ha avuto in mano “Dio che bel cazzo, ohhhhh, non vedo l’ora di fotterlo”.

E sentirla parlare in quel modo, ancor prima che percepire il calore e la morbidezza delle sue labbra sulla mia cappella, mi ha subito fatto eccitare: di lì a poco, ormai, sarebbe iniziato il divertimento con questa meravigliosa gnocca, Marcy, che mi ha spompinato con una delicatezza mai vista.

CONTINUA NEL PROSSIMO EPISODIO

Andrea non è venuto meno alla nostra richiesta: il suo racconto erotico si è arricchito di particolari davvero strepitosi.

Marcy la stragnocca desiderosa di sesso, di Andrea di Milano

Prima edizione: Ottobre 2016, by Atlantia Media.

© copyright MMXVI by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.