La ragazza di Luca

Mi son fatto Marta, quella strafiga della ragazza troia di Luca

Tra gli amici della nostra compagnia, c’erano un paio di persone che sin dalla prima volta che le avevo viste, mi avevano colpito per la loro maniera di fare, perché erano insoliti nei loro gesti e nelle loro abitudini: si trattava di Luca e di Marta, una coppia che a prima vista sembrava essere qualcosa di inossidabile, di splendido per il modo di fare di lei e di lui, ma che in realtà, celava un segreto abbastanza comune e triste per due innamorati.

Se in genere erano gli uomini a far scoppiare le coppie, in questo caso, era l’esatto contrario: era infatti Marta a darsi da fare con tutti gli uomini che incontrava, perché di suo era troppo una troia, e non ne voleva sapere di farsi sfuggire nemmeno un cazzo. In realtà, poi, lei diceva a Luca che non voleva saperne di sesso prima del matrimonio, ostentando un afflato religioso che era qualche cosa di ributtante, soprattutto perché convinta.

Quanto poi Luca ci credesse davvero a queste parole, è tutt’altra questione: fatto sta che, un pomeriggio, mentre ci stavamo preparando per andare a una festa

, Marta mi ha chiamato perché aveva bisogno di una mano per sistemare il suo computer a casa. Siccome Luca era fuori con i suoi genitori e non poteva andare da lei, mi convinse al telefono che aveva assolutamente bisogno del mio aiuto per riuscire a sistemare il casino che aveva combinato.

Quella volta nella sua camera da letto

Non senza qualche dubbio, mi son quindi avviato verso casa sua, perché in fin dei conti era la tipa di un amico della compagnia, e non potevo certo ignorare la sua richiesta di aiuto, sebbene fossi già sul chi vive per il suo modo di fare: una volta giunto a casa, non ho avuto dubbi sul fatto che ci avreb

be voluto provare con me, soprattutto, quando l’ho vista gironzolare con quel pareo per casa sua, deserta perché i suoi erano fuori per spese.

Una volta salito nella sua camera, mi son soffermato alla scrivania e, quindi, ho iniziato a dare un’occhiata al suo computer, aprendo il case per individuare il possibile danno. Mentre ero mezzo sdraiato sotto la sua scrivania intento ad ispezionare quella macchina ormai compromessa, mi son accorto che Marta si guardava attorno, dalla finestra, come se volesse essere certa che non ci fosse nessuno in giro per il giardino.

Quindi, con un gesto felino mi si è avventata sulle gambe, e ha tirato fuori il mio cazzo dai bermuda, leccandolo e succhiandolo, perché ne aveva una voglia matta: la respinsi, dicendole che era la tipa di un amico, e chiedendole se non si vergognasse per quel modo di fare, che la imponeva a tutti come una troia assoluta della compagnia, e lei per tutta risposta, mi sbatté di nuovo per terra, ingoiandosi il cazzo e iniziando a segarmelo in fretta.

Voleva a tutti i costi farsi sborrare in bocca, e io, più tentavo di levarmela di torno, più dovevo misurarmi con le sue unghie taglienti, che sembravano intente a mantenere sotto controllo l’ennesima preda della sua troiaggine. Nel frattempo, più lei pompava, e più io godevo, e mi sentivo in colpa ma non riuscendo a resistere alle sue slinguazzate, abbandonandomi alle sue attenzioni, ho cercato di levarmela di dosso ma era ormai quasi troppo tardi.

A forza di farsi entrare ed uscire il cazzo da quella bocca meravigliosa, mi aveva già fatto sborrare, e le ingoiava golosa tutto quanto, mentre fuori dalla finestra, si sentì il rumore di un’auto fermarsi. Erano i suoi genitori, che stavano rientrando a casa: la scostai da me, rialzandomi i pantaloni, mentre lei si passava un fazzoletto sulle labbra, e guardandomi con quegli occhi da troia, mi disse che mi ero salvato solo perché erano arrivati i suoi.

Devo ammetterlo, una puttanella del genere un po’ mi ha sconvolto: ma da quella volta, ho fatto di tutto per girarle il più possibile alla larga, perché non volevo rovinare la mia amicizia con Luca a causa delle trasgressioni di Marta…

Anche Angelo ha vissuto una bella avventura di sesso con una tipa figa: in questo caso, si è fatto la ragazza di Luca, e ci ha offerto il suo racconto erotico dedicato alla vicenda.

La ragazza di Luca trombava con tutti come una troia, di Angelo di Ravenna.

Prima edizione: settembre 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.