Patty la gnocca

Patty la gnocca che correva tra gli scaffali

Ogni volta che la incontro al negozio di alimentari in città, non posso fare a meno di soffermarmi a guardarla, mentre lavora, e si sposta tra un reparto e l’altro: sto parlando della splendida Patty, una meravigliosa donna castana, sempre curata e raffinata, che con i suoi occhi impreziositi dall’ombretto luminoso mi affascina e mi fa restare sempre a pensare un po’ a quanto possa essere anche delicata ed amorevole nei suoi gesti e nelle sue fantasie.

Ciò che la rende speciale e unica, secondo me, è anche il suo essere timida nei suoi sguardi e nel suo modo di fare, che la spinge a mettere in evidenza il suo essere una bella donna, senza tuttavia esagerare mai nel vestirsi. Così, lei si mette sempre un bel paio di jeans chiari e stretti al punto giusto, che evidenziano uno splendido culo e delle cosce scolpite, con un interno coscia veramente attizzante, soprattutto mentre si muove in negozio avanti e indietro.

Così, anche sabato i nostri sguardi si sono incontrati mentre facevo compere, e la cosa mi ha subito fatto un grande piacere, anche perché Patty mi ha sorriso e, quindi, mi ha salutato: ci siamo scambiato qualche parola proprio perché avendo bisogno di un paio di cose che non vedevo, ho preferito che mi aiutasse lei a comprare ciò ha stavo disperatamente cercando.

Sexy e sorridente: il suo modo di fare

Dopo avermi fatto trovare ciò che cercavo, con Patty abbiamo parlato un po’, e le ho chiesto se le piacesse il suo lavoro, al che, mi ha risposto annuendo e, soprattutto, sottolineando come per lei non sia possibile restare con le mani in mano, desiderando guadagnarsi da vivere da sola, anche perché essendo single non vuole nemmeno immaginare di ritrovarsi a dipendere da qualcuno, fossero anche i suoi genitori, tornando a vivere da questo ultimi come del resto fanno tanto altre persone.

Le ho quindi proposto di farci un bel caffè insieme e, lei, dicendomi che di lì a breve avrebbe concluso il suo turno, mi ha chiesto di aspettarla una decina di minuti: sorridendo contento, le ho detto che sarei rimasto un attimo fuori del negozio, e che quindi, ci saremmo poi avviati verso un locale molto carino, per trascorrere qualche tempo insieme, lontano dallo stress e dalla confusione.

L’ho fatta quindi salire sulla mia auto e, quindi, ci siamo o avviati verso la collina, per fermarci non tanto dopo a un bel locale, sedendoci in terrazza per assaporare tutto il piacere di una giornata di sole primaverile, all’ombra di alcune piante, sorridendo insieme e scherzando come se ci conoscessimo da una vita: e quanto mi è piaciuto veder il suo sorriso naturale e dolce, così intenso ed espressivo, capace di andare al di là degli occhi ed aprire una pagina intima della sua anima.

Così nel parlare, senza accorgermi, le ho preso la mano sinistra e, lei, mi ha guardato con un’espressione felice, con quegli occhi luminosi capaci di illuminarmi: e le ho proposto di fare un’altra passeggiata, all’affascinante faro, per stare insieme a guardare il mondo sospeso sotto di noi, così immersi nei nostri sogni e nei nostri dialoghi, assaporando tutto il piacere di essere vivi, lì in quel momento, lontano da ogni cosa.

E senza pensarci troppo, mi son ritrovato con Patty appoggiato a me, seduti sul prato, a guardare l’orizzonte: e mentre ci siamo guardati, ho visto la luce dei suoi occhi truccati così finemente e scintillanti di un bianco candido, quasi invitarmi ad avvicinarmi a lei, e così, baciandole le fresche e morbide labbra, ci siamo sentiti sospesi in cima al mondo, quasi disorientati nell’universo delle sensazioni più belle e spontanee, quelle che fanno vibrare il cuore e regalano il sogno della vita a chi riesce percepirne le delicate sfumature nell’aere.

Patty e la sua grinta erotica

Stringendosi a me, Patty mi ha chiesto se volessi fare l’amore con lei, perché in gran segreto, dopo avermi visto per tanto tempo, lei ha sognato come potesse essere vivere insieme questo momento pieno di sensazioni, lontano da tutto. E io le ho risposto che lo volevo, proprio perché mi son sentito attratto da lei sin dal primo momento in cui i nostri sguardi si sono incrociati in quel negozio era centro città.

Le ho quindi accarezzato i capelli, e poi, le ho sollevato quella splendida maglietta per andare alla ricerca del suo seno, non esagerato, ma bello: leccandole i capezzoli, e giocando con la lingua su quei seni, ho sentito Patty sospirare soddisfatta, desiderosa di assaporare ancor di più quegli istanti unici, e cercando i miei capelli, guidandomi verso il suo intimo mondo, più in giù, laddove la vita sgorga nella sua vivacità.

E con la mia lingua, dopo averle sfilato i jeans con i denti, mi son avventurato in quella splendida porta per il piacere, solleticando le sue voglie più recondite, e interpretando le movenze del suo corpo come fossero le onde della vita, capaci di andare dirette al cuore e, nel contempo, di vivere quell’equilibrio fragile che separa un momento di piacere dall’apice della gioia di esistere e di sentirsi vivi in mezzo all’universo.

Dopo poco, accarezzandole le cosce, mi son fatto strada nella sua splendida fonte della vita, assaporando ogni istante in cui mi son sentito risucchiare in lei, e baciandole intensamente, ho trascorso il quarto d’ora più sospeso nell’aria che potessi aver mai immaginato che esistesse.

Nel mentre, dopo po istanti ho trovato la via verso l’esplosione del piacere esistenziale e carnale, in un incontro che mi ha stordito per qualche istante e mi ha consegnato tra le sue braccia, sognante, desiderando che Patty possa esser mia per sempre…

Che cosa dice Gabriel?

“Non sto qui a fare tanti giri di parole, perché a scopare siamo tutti capaci! Se però volete eccitarvi, leggete quanto ho scritto della mia esperienza con la bellissima Patty! Non ve ne pentirete di certo e soprattutto potrete vedere quanto porca sa essere una donna. ”

Una che corre cosi’ tra le merce che ha in negozio, non puo’ che lasciarsi andare ad avventure uniche anche quando si tratta di godersela nella vita quotidiana: e il racconto erotico del suo trombamico non mente al riguardo!

Patty la gnocca che correva tra gli scaffali, di Gabriel di Como.

Prima edizione: gennaio 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.