Francy la troia

Francy mi ha fatto godere alla grande: è la troia indiscussa del gruppo

Tutte le sere ci ritroviamo al locale, laggiù dove la ferrovia declina in un orizzonte di palazzi, e ci sembra di entrare in un mondo parallelo, il nostro, che è fatto di suoni graffianti e di ribellione: e quando la band è sufficientemente calda, dalle nostre chitarre e bocche escono le migliori idee di sempre.

Certo, non sempre le nostre serate sono così sospese tra il poetico e il metropolitano, con noi persi a rincorrere i nostri sogni mentre gli anni passano: e lo sappiamo tutti, soprattutto quando la Francy si lascia andare un po’ con le birre, e inizia a non capire più un cazzo mentre suoniamo.

Proprio l’altra sera, dopo che Brian, Lucas e Bob se ne sono andati dal locale – e c’era da ridere nel vederli barcollare con i loro motorini, dopo aver fatto il pieno di metal e birra – siamo rimasti soli con la Francy, e mentre stavamo provando una delle nostre ultime canzoni, l’ho vista eccitatissima.

Non posso dire che sia una ragazza così tanto affascinante, anzi, è una tipa piuttosto normale: pancia non completamente piatta, fianchi un po’ larghi, un accenno di tette (quelle sono abbastanza interessanti) e un culo piuttosto provocante, quello sì, soprattutto dopo un paio di birre.

Momenti di puro piacere

A un certo punto, le ho chiesto di fare una pausa per riposarmi un attimo, e mentre mi stavo gettando in poltrona, un po’ brillo a causa dell’alcool, la Francy mi si è gettata addosso, finendo per sedersi su di me, movendosi in modo attizzante e, soprattutto, cercando la mia bocca.

Appena ho sentito le sue labbra carnose e la sua lingua vogliosa andare alla ricerca della mia, lo ammetto, non ho più capito nulla: ma ancor di più, sono stato preso da lei quando ho sentito il suo inguine infuocato sulle mie gambe, muoversi sfregandosi contro di me con tanto desiderio.

Con grande naturalezza, l’ho sentita avvinghiarsi a me per sfilarmi i pantaloni: non ho potuto fare a meno di alzarle la gonna, e abbassandole con difficoltà i leggings, mi son accorto che aveva un provocante perizoma di pizzo nero, pronto a regalarmi fantasie indomabili e sensazioni fortissime.

Dopo avermi leccato focosamente il collo, e scorrendo verso il mio ventre, l’ho vista e sentita tutta bagnata e presa dall’eccitazione, pronta a lasciarsi alle spalle ogni pensiero, e desiderosa soltanto di farsi una bella scopata con me: e lì, ho capito quanto la Francy sia la troia del nostro gruppo…

Giocando a scappellarmi il cazzo con la sua lingua e le sua labbra desiderose, dopo avermelo acceso di un bel rosso intenso, si è sfilata il suo bel perizoma e mi ha voluto dominare alla grande, con uno smorzacandela che ad ogni colpo mi sembrava potesse aiutarmi a scoprire un nuovo piacere.

E con la sua bella figa mi ha scappellato il cazzo in modo intenso, da farmi perdere la testa, mentre le afferravo il culo tra le mani, stringendolo forte, per guidarla nella scopata: e più cavalcava, e più ansimava vogliosa, sentendosi l’utero sotto la pressione del mio cazzo focoso e duro.

A un certo punto, la Francy mi ha detto di voler osare di più e, alzandosi, mi ha pregato di sputarle sul suo buco del culo, penetrarlo con il mio medio, e quindi, di adagiarla sopra di me: e in pochi istanti, ha voluto riprendere la nostra indimenticabile avventura con la stessa grinta.

Ancora mi ricordo il momento in cui mi ha fottuto la cappella con il suo culo caldo e stretto: mi son sentito aspirare letteralmente l’uccello in una dimensione fatta di piacere infinito, finché in pochi istanti, mi son sentito come una candela dalla cera gocciolante…

Le ero venuto in culo talmente tanto, che dopo aver gridato dal piacere, si è ritrovata a pulirselo dalla sborra, per succhiarsi poi il dito: in quel momento, mi son reso conto di quanto mi son perso fino ad oggi, pensando che la Francy non fosse poi così tanto troia.

Certo che una troia così che si fa sfondare e riempire il culo, sembra davvero esistere soltanto nei racconti erotici: oppure a voi è già capitato di trovare tipe così ben disposte a farsi sfasciare?

Francy la troia indiscussa del nostro gruppo, di Paolo di Savona.

Prima edizione: gennaio 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Un pensiero riguardo “Francy la troia

  • 28 febbraio 2016 in 15:56
    Permalink

    Questa canta con un microfono molto speciale!!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.