BDSM

BDSM, una forma di erotismo per veri amanti

Nulla è piacevole e soddisfacente quanto il sesso, proprio perché essendo lo stesso un’arte e permettendo sostanzialmente una libertà pressoché infinita, permette alle persone di esprimere la loro vera natura senza temere alcuna censura, pure nel caso in cui le stesse siano interessate al mondo del BDSM, una particolare forma di erotismo che esalta sostanzialmente il rapporto di dominio tra un signore e uno schiavo pronto a soddisfarlo.

Proprio in questo particolare rapporto che viene a crearsi tra i due amanti, di domioni e rispettivamente di sottomissione, risiede la forma di piacevole eccitazione che coinvolge tutti coloro i quali siano soliti dedicarsi a questa attività nella vita intima: tuttavia, anche per tutti coloro i quali nutrono un certo interesse in questo modo di vivere la sessualità, vorremmo individuare una serie di consigli per istradare questi amanti al vero piacere.

Nelle prossime righe, quindi, cercheremo di riportare alcuni consigli – o anche esperienze di terzi – relativamente a queste pratiche eccitanti, tenendo presente come alla base del successo di un’esperienza erotica di questo genere deve sempre esserci la condivisione, il desiderio di fare del sesso consenziente condito da esperienze che potremmo definire quantomeno insolite rispetto all’erotismo tradizionale.

B come… BDSM: i consigli per apprezzare al meglio il BDSM

Per prima cosa, dovrete stabilire in modo condiviso chi di voi debba assumere il ruolo di padrone e chi, invece, quello di slave: da questa scelta, infatti, dipenderanno ad esempio i vostri acquisti di materiale per vivere l’esperienza di BDSM, entrando a pieno titolo nel vostro rispettivo ruolo. Qualora foste indecisi, giacché affascinati da entrambi i ruoli, potreste anche valutare di vivere questa pratica erotica in qualità di switch.

Questa opzione, tuttavia, implicherebbe che decidiate di organizzare la vostra quotidianità nel mondo BDSM tenendo conto ad esempio che, con una persona, abbiate una relazione di sottomissione e, con un’altra, un ruolo di dominazione: come potete ben comprendere, però, una situazione di questo tipo finirebbe indubbiamente per essere (quantomeno) logorante, se non addirittura ingestibile giacché creerebbe molta confusione in voi.

Se affrontare una situazione per così dire continuamente mutevole, quasi liquida, non dovesse rappresentare per voi un problema, allora potreste davvero coinvolgere più partner per scoprire questo mondo così accattivante e coinvolgente, dove è anche possibile avere semplicemente un ruolo attivo e passivo senza tuttavia che questa scelta coincida con un chiaro e netto ruolo di padrone o, rispettivamente, di schiavo.

Qualora decideste di vivere sul lungo termine una situazione di BDSM all’interno di una relazione di coppia ordinaria, allora, dovreste immedesimarvi nei ruoli di master (o mistress) rispettivamente di slave con tutta la naturalezza del caso, proprio perché nella sessualità BDSM non c’è spazio per il sopruso e l’abuso, considerando come non vi sia alla base alcun plagio o forma di costrizione a danno delle persone coinvolte.

Il BDSM: goderne con il giusto spirito

Affinché il rapporto instaurato tra persone consenzienti e conscie di ciò che fanno sia davvero proficuo per entrambe, è molto importante individuare una parola di sicurezza e un gesto, entrambi indispensabili per riuscire a gestire con la giusta consapevolezza ogni situazione BDSM, in maniera tale che entrambi i partner possano comprendere quando si manifesti un limite nell’esplorazione del piacere tramite queste dinamiche erotiche.

Dal momento in cui la ricerca del piacere, tramite il BDSM, può andare oltre quello della soddisfazione o dell’appagamento raggiunti tramite l’attività sessuale, è molto importante ricordare come questa pratica miri essenzialmente al benessere di tutte le persone coinvolte nella stessa, che possono sentirsi soddisfatte perché garantiscono ad un partner sottomesso il piacere, in un rapporto di di dipendenza e di dominio dell’altro.

Anche la consapevolezza di dipendere dalla volontà altrui per il raggiungimento del piacere, come del resto, la possibilità di provare della sofferenza o un coinvolgimento a livello mentale davvero molto forte, sono altri modi per rappresentare il BDSM tramite situazioni della vita condivisa con il partner, dove i limiti per godere di queste sensazioni possono essere riassunti nel concetto di SSC – Sano, Sicuro e Consensuale.

Trasgressioni travolgenti con il miglior BDSM

Sentirsi in grado di poter umiliare in maniera assoluta il proprio sottomesso, oppure, la possibilità di disporre dello stesso in maniera pressoché incondizionata, è il segreto della massima soddisfazione raggiungibile da parte del master (o della mistress), mentre dal canto suo, lo slave può gioire del fatto di essersi liberato di ogni residuo di potere, nonché del derivante stress e dell’onere di dover compiere scelte e prendere delle decisioni.

Per assecondare questo desiderio, potete avvicinarvi al mondo del BDSM dotandovi di accessori semplici e comuni come delle catene, dei lucchetti, delle corde, bende per gli occhi, delle cinte, un frustino, mollette, guanti in lattice, un butt plug, delle candele, un battipanni, cucchiai in legno, lubrificante, taglieri, spazzole assortite da usare per stimolare lo slave durante il vostro rapporto di dominazione/sudditanza.

Questo è ovviamente un semplice elenco di esempio relativo agli oggetti che potrebbero essere utili per vivere vostra esperienza di BDSM nella maniera più desiderabile, vale a dire, quella della reciproca soddisfazione, senza trascurare da una parte i desideri di chi vuole avere il dominio e, dall’altra, la volontà di chi vuole lasciarsi annullare per raggiungere il massimo piacere in compagnia del proprio master.

Come in ogni altra prassi erotica che si rispetti, ovviamente dopo aver instaurato il rapporto di dominazione e di obbedienza, potete anche lasciarvi andare alle vostre fantasie dal punto di vista erotico, godendo di preliminari particolarmente intensi, oppure, di lunghe ed eccitanti penetrazioni nelle migliori posizioni, quelle che riescano a sottolineare in maniera ancor più netta e inequivocabile il vostro rapporto di dominio sullo slave.

Dal momento in cui, in qualità di master (o di mistress), riuscirete ad appagare quel vostro desiderio di disporre in modo libero e pressoché totale del vostro slave, non impiegherete molto tempo per raggiungere memorabili e travolgenti orgasmi capaci di lasciare un segno nella vostra quotidianità, spingendovi a voler vivere in maniera ancor più trasgressiva il vostro rapporto di tipo BDSM con il partner, coinvolgendolo in nuove esperienze.

A questo punto, dopo avervi dato alcuni consigli per dare il via al vostro rapporto di dominazione/sottomissione, non ci resta altro da fare che augurarvi tanti piacevoli momenti di trasgressione, durante i quali sentirvi davvero vivi, apprezzando la libertà di vivere l’erotismo in una chiave differente dal solito, con mille sfaccettature davvero intriganti.