Una splendida vacanza al mare con Giusy

Un’indimenticabile estate da Giusy

La scorsa estate, ho deciso di trascorrere le vacanze un po’ lontano da casa, perché avevo voglia di vedere nuovi posti e, ancora, perché mi mancava l’idea di conoscere qualche nuova amica in giro per l’Italia, e soprattutto, anche perché dopo aver conosciuto una tipa simpatica durante un incontro di lavoro a Milano, desideravo proprio rivederla e magari anche farci qualche cosa di più, come una bella e gloriosa trombata da ricordare nel tempo.

Quando sono arrivato in Sardegna, infatti, non vedevo l’ora di raggiungere la casa di Giusy, dalle parti di Cagliari: lei abitava da sola, aveva una piccola casetta con vista sul mare, ed era un luogo meraviglioso, di quelli da cartolina, dove avrei sicuramente trascorso una vacanza di quelle sensazioni, immerso tra natura e bel tempo, con giornate da non dimenticare per un bel pezzo, dato anche come Giusy si divertiva a muoversi per casa.

Giusy, una culona piena di passione

Lei infatti era sempre con un pareo, dato il gran caldo che c’era da quelle parti, e non perdeva mai l’occasione per rimanere il più possibile in bikini, mostrando il suo culone esagerato, forse nemmeno troppo in forma, ma che certo faceva venire certi desideri, soprattutto, quando si abbassava e involontariamente sembrava volesse fare del twerking di fronte a me, provocandomi con le sue fantasie e le sue battutine a doppio senso.

La stessa sera in cui sono giunto a casa sua, infatti, Giusy ha voluto cenare nel piccolo giardinetto e, mentre stavamo andando in tavola, le è cascata una posata per terra, al che, si è messa letteralmente davanti a me a novanta gradi e, io a quel punto, non è potevo più e sfilandomi il cazzo dal costume, l’ho strofinato sulla sua fighetta appena coperta da un perizoma, che non faceva mistero fosse molto sottile, praticamente invisibile.

Giusy iniziò a fare “ahhhh, non male Roby, ma non adesso” al che, insistendo a sfregarlo contro, lei rispose bagnandosi le dita con la saliva e, quindi, passandomele tra la cappella, facendomi rispondere “aahhh, sìììììììì, Giusy….mmmmmmhhhh” e, di fronte alle mie insistenze, con la fighetta già bagnata, mi spinse per terra e mi si sedette sul cazzo, che le penetrò la figa in un istante, facendola godere e esclamare “ahhhhhh, bello duro, tutto dentro!!!”

Mi piaceva da morire vederla scopare il mio cazzo voglioso, al che, con i palmi delle mani iniziai a guidarle le natiche su e giù, per darle il giusto ritmo, e nello stesso tempo, farla sentire ancor più apprezzata e desiderata: Giusy si lasciò quindi andare, e iniziò ad ansimare e a gemere, desiderando sempre più che la penetrassi e non facessi mancare alla sua figa le mie attenzioni, iniziando anche a stuzzicarle allegramente il clitoride.

A quel punto, lei perse la testa e iniziò a desiderare ancor di più che la fottessi, ma con determinazione, e mi disse “sìììììì, mettimi un dito in culo, dai, infilalo!!” e, dopo averlo messo, “ahhh, tutto, dai: uhhhhhh, giralo!!”, mentre continuava a far su e giù dal mio cazzo, facendomi sentire sempre più vicino all’orgasmo, considerando quanto spingeva il suo bacino e il suo culo su di me, apposta per farmi assaporare sensazioni forti.

Quando arrivai, mi abbandonai alle sue attenzioni, lasciando che il mio cazzo scivolasse dentro e fuori, riempiendole la figa della mia calda sborra, mentre lei si eccitò da morire, dicendomi “ahhhh, la mia figa bella sborrata, quanto mi piace: sai quante volte ti scoperò il cazzo così?! Te lo farò diventare viola e mi implorerai di smetterla di scopartelo, Roby, ohhhhhh vedrai se non è vero!”…

Bella e vogliosa, senza freni in ciò che fa proprio perché il suo scopo è far esplodere di piacere il suo uomo: in questo racconto erotico se ne può assaporare tutta la troiaggine

Una splendida giornata al mare con Giusy, di Roby di Piacenza.

Prima edizione: marzo 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.