Yasmine la tettona piena di fantasie

Una bionda dalle tette veramente esplosive

Quel giovedì ero passato in assicurazione per sistemare una vecchia questione che riguardava la mia auto, e proprio per combinazione, in ufficio c’era una tipa che già avevo visto diverse volte, e che mi era stata subito simpatica con quel suo modo di fare, e con la quale pensavo avrei concluso tutto piuttosto in fretta: erano ormai le 13, e c’era rimasta soltanto lei lì, che avrebbe sacrificato la sua pausa pranzo per darmi una mano con la pratica.

Yasmine, questo era il suo nome, appena mi ha visto entrare, un po’ forse mi è sembrata scazzata all’idea che me ne fossi arrivato proprio in quel momento, anziché ripassare in un’altra occasione: però poi, dopo aver avuto modo di misurarsi con le mie maniera gentili, le cose sono cambiate, e poi, si è lasciata anche un po’ coinvolgere dai miei discorsi, condividendo con me un po’ di opinioni su quello che stava succedendo in genere.

Quando si è trattato di analizzare meglio la pratica, lei è stata subito professionale e precisa, avendo tutte le carte già ben selezionate ed avendo già sviluppato un’idea per risolvere la questione: così, si è trattato unicamente di parlare un po’ quasi come tra vecchi amici piuttosto che avere a che fare con un assicuratore, e posso ammettere, che la cosa non mi è per nulla dispiaciuta, anzi, mi ha sollevato anche parecchio.

Così, la questione si è risolta piuttosto in fretta e siamo rimasti un attimo a parlare, quando le ho proposto di venire a mangiare qualcosa con me: mentre ci stavamo avviando verso l’uscita, però, Yasmine è passata un attimo in bagno, e l’ha fatto in modo tale da permettermi di vedere dentro il locale cosa stesse succedendo, una cosa che mi ha subito lasciato basito, considerando che immaginavo l’avesse fatto apposta.

E osservando attraverso la porta, ho notato come le sue tettone esplosive fossero belle rotonde, come del resto, la sua magnifica fighetta con quei pochi peli – che sembravano pettinati – mi suggeriva tanto piacere e relax, al punto da diventare irresistibile per me, finché son entrato, con lei che stava pisciando e l’ho guardata negli occhi, leggendo la sua soddisfazione, dopodiché, mi son tirato fuori il cazzo dalle mutande e gliel’ho messo sulle labbra.

Un indimenticabile momento hot in ufficio

Yasmine non s’è fatta pregare per risucchiarlo nella sua boccuccia candida e dolce, regalandomi sin da subito le attenzioni e le fantasie di una impiegata che aveva voglia di trasgredire, assaporando il piacere della carne: e così è stato, considerando che siamo tornati nell’ufficio, e siamo finiti nello stanzino delle fotocopie, con lei che non aveva più le mutande e i pantaloni, e io che, invece, saltellavo perché non mi ero levato del tutto i miei.

Mi ha fatto sedere su una scatola di risme di carta, dopodiché, ha messo la sua testa tra le mie gambe, andando alla ricerca del mio cazzo da spompinare a dovere: e quindi, dopo averlo succhiato e risucchiato rumorosamente, se l’è passato tra le sue magnifiche tettone, facendomi una spagnola proprio in quell’ufficio, stimolando il mio piacere e il mio desiderio ancor di più, considerando che ora non vedevo proprio l’ora di farmela in ufficio.

Le ho quindi detto che volevo scopare con lei, e Yasmine per tutta risposta, si è bagnata di saliva le dita della mano sinistra, per poi passarsele sulla fighetta, e quindi, sedendosi su di me, si è guidata con la mano destra il cazzo nella figa: mi piaceva così tanto che, nel trombarla, le dicevo che volevo farmela almeno per un paio di volte, mentre la sculacciavo sul culo e la incitavo a montarmi il cazzo, per quanto avevo voglia che mi scopasse.

Dopo avermi scopato per un paio di minuti così, si è messa a pecorina davanti a me, chiedendomi che fossi io, ora, a prendere il comando della situazione, trombandomela allegramente: e non mi son fatto pregare due volte, considerando che ho subito preso a trapanarla, per poi chiederle di nuovo di cambiare posizione, stavolta, sedendosi lei su di me, ma dandomi le spalle mentre mi cavalcava.

Yasmine si è seduta e, dopo circa un paio di minuti, mentre godevo sempre di più e la incitavo a scoparmi più a fondo, mi ha fatto venire tra la sua figa e il suo culo: proprio nell’istante in cui stavo sborrando, le sono venuto tra le grandi labbra e l’ano, perché non voleva in alcun modo che le sborrassi dentro, dopodiché, una volta ripulita un attimo dalla colata, s’è messa il mio cazzo in culo, iniziando a trombarmelo meravigliosamente.

Da tanto era eccitata e godeva nel sentirsi il cazzo in culo, Yasmine ha perso il controllo, cavalcandomi selvaggiamente, e facendomi venire anche dentro il suo culo, mentre a forza di lasciarsi trastullare la fighetta, ha avuto pure un orgasmo nel momento in cui io sborravo per la seconda volta, rendendo tutto più bello e magico…

Bravo Ivan, te la sei spassata alla grande con una tettona che aveva tanta voglia di cazzo: e anche tu ci ha fatto trascorrere momenti piacevoli con un racconto erotico carico di dettagli imperdibili.

Yasmine la tettona piena di fantasie, di Ivan di Latina.

Prima edizione: aprile 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.