Le ho scopate in doccia tutte e due

Molto spesso mi ritrovavo ad andare a casa di alcuni amici che avevano una villetta con giardino a pochi passi dal mare e, di tanto in tanto, riuscivo anche a rimorchiare qualche donna. Questa volta, però, la storia è completamente diversa, perché non sono riuscita a scopermi solo una donna, bensì due nello stesso momento. Ora vi racconterò la mia esperienza, perché é stata davvero unica e spero che anche a voi si possa realizzare!

Era un sabato sera ed ero stato invitato ad una delle tipiche feste che organizzavano Mattia e Valerio nel fine settimana – due amici di vecchia data del liceo – e in queste feste c’era sempre un gran numero di persone, tra cui alcune gnocche che avevo adocchiato quasi subito a bordo piscina.

Entrambe more, avevano due poppe che solo Dio sa cosa possa significare metterci sopra le mani! Ad ogni modo, Eleonora ed Elisabetta erano belle, formose e simpatiche…peraltro, le due erano arrivate alla festa insieme e, quindi, presumo che fossero anche buone amiche.

Voi vi starete dicendo, ma che ce ne frega? Scusate, ma voglio darvi qualche dettaglio, altrimenti vi brucio subito la sorpresa! Ad ogni modo, era una festa in piscina e quindi, dopo essere arrivate vestite, una con un paio di leggins neri che le scolpivano le natiche e l’altra con un mini vestito che lasciava intravedere quasi il suo culo, si sono spogliate, rimanendo in bikini.

Le due avevano un corpo mozzafiato e si divertivano in piscina, sorseggiando il loro cocktail e chiacchierando con altre invitate. Anche io, con l’occasione, ero entrato in piscina per giocare con i miei amici. Arrivata una certa ora, alcuni ospiti hanno iniziato a sloggiare dalla viletta, mentre altri chiedevano ai ragazzi di poter rimanere a dormire perché troppo stanchi di spararsi dei chilometri prima di arrivare a casa. Così, visto che lo spazio non ne mancava così come camere libere, divani-letto e bagni in più, molti si fermarono lì ed anche Elisabetta ed Eleonora fecero così.

A quel punto, anche io mi feci dare una camera con altri ragazzi, ma prima di andare a dormire avevo bisogno di una doccia. Alcuni erano talmente stanchi che si erano messi a dormire addirittura in costume da bagno, ma non era il mio caso. Così senza pensarci troppo, entrai nel primo bagno che trovai vicino alla stanza, ma in realtà c’era una bella sorpresa ad attendermi.

Non appena aprii la porta, mi accorsi che in realtà al bagno c’erano proprio Eleonora ed Elisabetta che stavano facendo la doccia. Entrambe, senza preoccuparsene, mi fecero entrare ed io scusandomi gli dissi che dovevo fare una doccia anche io, che sarei passato più tardi.

Allora, una delle due, senza pensarci un attimo mi disse:

-Ma dai, vieni, questa doccia è così larga che possiamo farla tutti e tre insieme!

-Sì, sì, ha ragione Eleonora, c’è spazio per tutti qua… logico se non ti vergogni di farti vedere nudo!

Intanto le due ridacchiavano tra di loro ed io non volevo certamente farmi vedere imbarazzato davanti due corpi femminili nudi. Quindi, mi tolti il costume da bagno, lo poggiai lì nel lavello dove giacevano già i loro costumi ed entrando esclamavo “permesso!”

Ora, essendo più vicino a loro, potevo davvero ammirare tutta la bellezza dei loro corpi, addirittura nudi e, anche loro più volte fecero la stessa cosa, guardando il mio cazzo, fino a quando non iniziarono ad insaponarmi.

-Ti diamo una mano a lavarti…che ne dici?

-Ah, volentieri con due dee come voi!

-Addirittura dee, che gentile che sei. Ele, che dici, non dovremmo essere anche noi gentili con lui?

-Sì Elisabetta, hai proprio ragione!

Così, Elisabetta lasciò cadere la spugnetta e chinandosi iniziò a baciarmi il petto, il ventre arrivando poi al mio cazzo che, oramai, stava già aumentando di volume. La stessa cosa fece Eleonora!

Avevo due donne davanti al mio cazzo, pronte a spompinarmelo lì in doccia! Eleonora se lo prese poi in bocca ed iniziò a succhiarmelo con vigore, mentre Elisabetta giocava con le mie palle penzolanti, leccandomele e prendendole in bocca come se fossero delle caramelle.

Oramai ero in estasi e, nonostante prima fossi un po’ stanco, ora ero più sveglio che mai, pronto per scoparmele entrambe in doccia. Quindi, ad un certo punto le feci alzare entrambe e gli dissi di non correre troppo e che la serata era appena iniziata.

A quel punto feci mettere entrambe sdraiate a terra, sul pavimento della doccia, e inizia a scoparmene una, Eleonora fu la prima, mentre l’altra era lì a fianco, desiderosa di essere ugualmente scopata. Dunque, per non farla morire troppo di invidia, presi il mio pollice e lo inserii subito nella sua vagina, iniziandola a scopare in quel modo.

Me le stavo scopando entrambe e mai avrei pensato che potesse accadere una cosa del genere. Così, una delle due iniziò anche ad emettere qualche verso e, a quel punto, feci cambio figa. Elisabetta aveva due labbra della figa lisce come la seta ed invitavano proprio ad essere scopate; quindi, non mi feci pregare ed inizia a sbatterla con maggiore vigore. Eleonora invece la feci poggiare contro la parete della doccia, per sgrillettarle un po’ la clitoride.

Entrambe ansimavano e si dimenavano per il piacere che stavano provando ed anche io stavo per esplodere dopo quelle botte che le stavo impartendo velocemente a Eleonora. Così non appena sentii il mio pisello pulsare lo estrassi e sborrai sul suo culo. Elisabetta, quindi, si inchinò e mi ripulì il pene dalla sborra che era rimasta lì e poi con un bacio la passò nella bocca della sua amica dicendole:

-Niente male, vero?

-Sì, mi piace!

E così terminammo la nostra doccia e poi tutti a nanna!

Una dopo l’altra, Massimiliano si è svuotato per bene i coglioni: e la sua storia di sesso spinto è davvero meravigliosa in ogni suo dettaglio.

Le ho scopate in doccia tutte e due, Massimiliano di Cagliari

Prima edizione: maggio 2017, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.