Quella fighetta spagnola dai capelli scuri

Una mora più che caliente

Mi son sempre piaciute le donne more, e quella bella fighetta spagnola che frequentava i miei stessi corsi all’università, non faceva certamente eccezione: la prima volta che l’ho vista, seduta vicino a me, ho fatto di tutto per iniziare a parlarle e per riuscire a frequentarla e portarla in giro con me.

Ester era infatti piena di entusiasmo, una tipa molto espansiva, con la quale era possibile parlare di tutto: lavorava in un negozio part-time, perché cercava di mantenersi agli studi senza troppi casini, oltre a voler assaporare anche il divertimento e tutti gli aspetti belli della vita di tutti i giorni.

Una volta, mentre stava uscendo dall’università per tornare nel suo appartamento condiviso, l’ho abbracciata e, con un braccio sulle spalle, le ho detto che le avrei dato un passaggio in motorino: le si sono illuminati subito gli occhi di una felicità unica, di fronte a questa mia proposta.

Mentre ci stavamo avviando verso casa sua, nel tragitto, a un certo punto mi ha voluto domandare se volessi fare un giro con lei o, comunque, trascorrere del tempo in sua compagnia: non ci ho pensato due volte, e le ho detto di sì, contento di poter stare con questa bella persona.

Una ragazza veramente piacevole e affascinante

Dapprima ci siamo fermati a fare un giro in piazza, tra i negozi, dopodiché siamo andati a casa mia, dove ci siamo un attimo rilassati, parlando degli esami e di tutto lo studio da fare: a un certo punto, Ester mi ha chiesto di andare al bagno e, quindi, dopo averle indicato il percorso ci è andata.

Mentre l’attendevo in sala, l’ho sentita chiamarmi: c’era un problema in bagno e, quindi, mi ha chiesto di entrare. Senza pensarci ho aperto la porta e, così, l’ho vista seduta a gambe aperte sul wc, ma con il coperchio chiuso, con le mutandine e la gonna lasciate per terra.

Le décolleté erano ai suoi piedi e, mettendosi a ballare attorno a me, mi ha attizzato con quel suo modo di fare così suadente: mi si è avvicinata e, quindi, mi ha letteralmente messo la sua figa in faccia, e io non ci ho pensato due volte mettendole il mio naso dentro e giocando a stuzzicarla.

Mentre lei si eccitava sempre di più, e io non vedevo l’ora di trombarmela, Ester si è sfilata anche il reggiseno: a quel punto, non son riuscito a resistere, e levandomi i vestiti e l’intimo di dosso, l’ho implorata di farmi una bella spagnola, con quelle sue belle tette abbondanti.



Avevo già il cazzo letteralmente bagnato e duro come il marmo, così, quando me l’ha passato tra le tette, lo sentivo scivolare con una naturalezza insolita, come se la stessi scopando: di tanto in tanto, lo faceva arrivare oltre le tette, succhiandomi la cappella, provocandomi sempre di più.

A questo punto, accarezzandole i capelli, l’ho invitata a sistemarsi sopra il tappetino morbido e caldo del bagno: a quel punto, allargandole le gambe, l’ho messa nella posizione della vita, e ho preso a stimolarle la figa, sfregando la mia cappella sul clitoride, facendole desiderare il mio cazzo.

Ho continuato a giocare con lei, facendolo scorrere sulle grandi labbra, pungolandole il clitoride con la mia cappella, fino a giocare letteralmente a scuoterlo in modo sempre più intenso, mentre lei aveva voglia di farsi sfondare per bene la fighetta calda e ormai bagnata a più non posso.

Tutta la carica emotiva di una spagnola

Dopo aver giocato con le dita e la cappella a stimolarle il clitoride fino a farla venire, le ho poi rimesso il cazzo tra le labbra, invitandola a giocarci un po’, e così ha fatto, facendomelo gonfiare ancor di più e, soprattutto, facendomi caricare di una voglia incredibile di venire.

Si è lasciata quindi andare, allargando le gambe e giocando a fare la posizione della vita, e nel momento in cui il mio cazzo è entrato nella sua figa, l’ho sentita sospirare con una voglia incredibile: e più entrava, e più lo voleva, lo desiderava sentire arrivare fino in fondo.

Ero talmente su di giri ed eccitato che, dopo nemmeno due minuti che scopavamo, sono venuto e lei mi ha affondato le unghie nel sedere, vogliosa, pregandomi di continuare a farle sentire il mio cazzo nella figa, sentendosi posseduta come una vera troia…

Il pensiero di Andrea di Milano:

“Penso che scopare con una donna caliente è troppo eccitante! Lo capirete senz’altro leggendo!”

Calda e vogliosa, mediterranea ed esplosiva, questa è la donna ideale per tantissimi uomini in cerca di sensazioni destabilizzanti: e voi non pensate che sia cosi’?

Quella fighetta spagnola dai capelli scuri, di Andrea di Milano.

Prima edizione: gennaio 2015, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Quella fighetta spagnola dai capelli scuri

  1. Tony dice:

    Non male la storia…

  2. Anonimo dice:

    Ti piace la fica iberica???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.