La sborra calda

La sua sborra calda colava dalla mia figa

È da tanto che non condivido con la community di Eroticiracconti una mia esperienza erotica piccante, quindi, voglio parlarvi della mia ultima scopata calda fatta con Angelo. Ve lo ricordate vero? Il mio vicino di casa – oramai da tempo amante del piacere condiviso con la mia passera – è sempre pronto e solerte quando si parla di scopare! Così dopo le sere di feste, tra scopparciate di panettone e torrone, nottate tirate abbastanza per via delle partite a briscola, siamo arrivati a trascorrere alcune serate insieme, direttamente nel mio letto, per poi svegliarci insieme.

Proprio due giorni fa ci siamo svegliati l’uno accanto all’altro e così ho atteso che anche lui aprisse gli occhi per poter subito esplorare con le mie mani le sue pantaloni. Dopo una sosta al wc, è ritornato con un pisello arrapato che già si immaginava che cosa avrei potuto fargli. Quindi, mi sono calata sotto il lenzuolo ancora caldo e gli ho sfilato lentamente il pantalone e le mutante, ritrovandomi tra le mani un cazzo grosso.

L’ho subito leccato in cima e poi l’ho “ingerito tra le mie fauci” provando a succhiarlo con tanto vigore…so che Angelo ama le prese strette e i risucchi profondi e, quindi, mi sono subito data da fare. Lui con le sue mani mi guidava al giusto ritmo. Quando ho sentito che era arrivato il momento giusto per scoparmelo mi sono sfilata la sottana di seta e gli slip rossi in pizzo e mi sono messa di fianco a lui.

A quel punto, lui da dietro mi ha penetrato in figa, lentamente e dando dei piccoli colpi per penetrare al meglio dentro di me. Il suo cazzo era enorme, lo sentivo che pian piano cercava di farsi largo dentro di me, con un piccolo dolore che, alla fine, si è trasformato in un piacere intenso non appena ha iniziato a muoversi avanti ed indietro. Il suo cazzo inumidito dai miei umori scorreva che una meraviglia e, quindi, cercando di prendere una posizione la più possibile comoda, mi sono girata e gli ho messo la lingua in bocca per baciarlo appassionatamente. Mi piace potergli mordicchiare il labbro ed ascoltarlo mentre il suo respiro si fa più intenso perché andiamo incontro al piacere assoluto.

Continuando a muoversi ha anche allungato una mano per stimolare il mio clitoride e, in quel momento, allora ho davvero iniziato a godere come una vacca incitandolo pure a muoversi con maggiore vigore. A quel punto i miei seni ballavano su e giù ed i colpi inflitti dal suo bacino all’interno della mia vagina diventavano sempre di più intensi, fino a quando non ho sentito una vera e propria esplosione calda dentro di me. Il suo cazzo aveva riversato tutta la sborra possibile dentro la mia figa pelosa.

Quindi a quel punto mi sono alzata dal letto e sono andata direttamente in bagno…senza accorgermene, la sborra calda ha iniziato a colare lungo la mia calda e mi ha fatto percepire un altro brivido di piacere lungo la schiena…avevo di nuovo voglia di scopare e così, ho chiamato Angelo in doccia…ma questa è un’altra storia!

Miluna come al solito ci delizia con le sue avventure amorose e focose. Se vi siete persi qualche suo racconto dettagliato, vi suggeriamo di leggerli. È davvero una gatta bollente ed Angelo lo sa davvero bene!

 

La sborra calda, Miluna di Como.

Prima edizione: dicembre 2018, by Atlantia Media.

© copyright MMXV by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.