La mia collega universitaria mi ha dato il culo

Ho 24 anni e ho un debole per le milf. Trovo molto attraente una donna che verso i suoi 40-50 anni si prende tanta cura del suo corpo mostrando tette e culi più sodi di una ventenne. Se poi aggiungiamo l’esperienza che ha accumulato a letto, beh… non c’è ventenne che tenga. Ma ultimamente ho dovuto ricredermi e tornare sulla “retta via”. E vi spiego il perché.

Frequento da anni la facoltà di Economia e si sa che quello è un ambiente frequentato soprattutto da donne. Non ho mai fatto caso a Stefania, non so per quale motivo. Abbiamo frequentato spesso le stesse aule e qualche volta ci siamo anche fatti dei favori a vicenda, ma così giusto per scambiare due appunti e poi finiva tutto lì. Un giorno però le cose sono andate diversamente. Per questioni di studio è dovuta venire a casa mia in pieno agosto. La tipa si è presentata con una zeppa vertiginosa, una minigonna in jeans e un top che metteva in perfetta evidenza il suo seno prosperoso. Ho capito subito che le sue intenzioni erano molto esplicite. Giuro, sembrava di essere nel set di un film porno dove la studentessa di turno prova ad eccitare un uomo. E lei ci era perfettamente riuscita!

Con i suoi capelli biondi e ricci e i suoi occhioni marroni, aveva appoggiato il suo ginocchio su una sedia rimanendo in piedi. Le offro un caffè e per berlo appoggia i suoi gomiti sul tavolo. Morale della favola? Era praticamente messa a 90 con una minigonna che appena appena le sfiorava le chiappe! Non c’ho visto più nulla e mi sono avvicinato da dietro. Con la scusa di dare un’occhiata agli appunti, ho messo un braccio prima sulla sua spalla e poi sul fianco. A quel punto si è girata istintivamente verso la mia bocca e ha cominciato a baciarmi con passione. Ormai era fatta.

Non c’ho pensato due volte! Mi sono fiondato sui suoi seni strizzandoli per bene e poi ho messo la mano tra le gambe. Aveva solo un sottile perizoma che ho subito spostato di lato massaggiandola tra le gambe e, inutile a dirlo, era inzuppata come un lago… A quel punto mi è subito venuto in mente un giocattolo sessuale che la mia ex aveva comprato su un sexy shop online e lasciato nel comodino. Avevo a mia completa disposizione un bel vibratore molto potente. L’ho portata nella mia camera, ho aperto il comodino e le ho mostrato questo bel giocattolo mentre mi toccava il pisello ancora sotto i pantaloncini. Non ha fatto una piega, ma al contrario mi ha invitato ad usarlo su di lei… anzi, dentro di lei. Si è messa comoda sul letto e ha subito aperto le gambe. Bagnata com’era non mi è servito neanche il lubrificante. Le ho chiesto solo di sputare sul vibratore e l’ho immediatamente penetrata. Ho attivato la vibrazione più forte per diversi minuti tastandole le tette diverse volte, i suoi capezzoli erano marmo ormai e ansimava come non vedevo ansimare una donna da tempo.

Mi ha sfilato i pantaloncini, me lo ha preso in mano per masturbarmi. Poco dopo si è messa a 4 zampe sul letto e ha cominciato a succhiarmelo. Non capivo più nulla! Ero in preda all’eccitamento e all’odore del sesso che inebriava la mia mente insieme alla vista così paradisiaca di quel corpo da favola pronto per essere scopato. Dopo aver ricevuto un risucchio degno da pornostar, ho indossato un preservativo e ho cominciato a scoparla a gambe aperte. La tenevo dai piedi mentre lei con una mano si masturbava sul clitoride e con l’altra massaggiava i seni. Era in preda al piacere pure lei e questo mi eccitava tantissimo!

Dopo una decina di minuti si è messa su di me cavalcandomi come una vera donna. Con una mano continuava a massaggiare il clitoride mentre con l’altra faceva qualcosa di nuovo… stava massaggiando il suo ano. Era quasi pronta a darmi il culo, era chiaro. Voleva essere scopata analmente. Forse non lo faceva da molto tempo o forse la eccitavo da sempre ma non aveva mai avuto il coraggio di dirmelo, fatto sta che era pronta a darmi tutti i suoi buchi. Infatti da lì a pochi minuti si è messa il vibratore nel culo (e quel vibratore ha la forma di un pene realistico al 100%). Quindi in pratica stava facendo una doppia penetrazione! Riuscivo a sentire anche il vibratore dentro di lei, a dividerci c’era solo il suo sfintere che sfregava internamente contro il mio cazzo.

Pochi minuti dopo si è sfilata il mio pisello dalla figa e lo ha messo direttamente nel culo. Non potevo crederci! Ero più arrapato che mai e infatti sono riuscito a resistere ancora per pochi minuti. Poco dopo le sono venuto dentro il culo con una forza inaudita! Quella donna mi aveva letteralmente svuotato le palle e, difficile da credersi per me, si trattava di una ragazza che ha poco più di 20 anni. Per fortuna avevo ancora il preservativo addosso, così pulirsi è stato facile.

Il giorno dopo ci siamo visti all’università, mi ha salutato con un bel bacio affettuoso sulla guancia e siamo andati a pranzare insieme. Da allora scopiamo almeno un paio di volte a settimana e va tutto alla grande!

La mia collega universitaria mi ha dato il culo, di Marc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.