A – guida al sesso a tre: come farlo

Fantasia ricorrente tanto negli uomini quanto nelle donne – anche se spesso si ritiene che siano soprattutto i primi a desiderare di vivere situazioni erotiche di questo tipo – quella del sesso a tre è una pratica che non può mancare di offrire nuove sensazioni ed emozioni, soprattutto tra coloro i quali ormai percepiscono il rapporto, nella dimensione sessuale, come qualcosa di ormai poco stimolante, anche a causa della monotonia.

L’idea di introdurre una terza persona, di dar vita ad un cosiddetto “ménage à trois” è un’esperienza che tantissimi partner decidono prima o poi di compiere, magari perché si sono già trovati a fantasticare della possibilità di essere coinvolti in una scena simile, soprattutto con una persona appena conosciuta, o vista di sfuggita, che si ritiene possa avere un impatto notevole nell’arricchire la vita erotica ordinaria.

Se voleste saperne di più della possibilità di sperimentare qualcosa di nuovo nella vostra sfera intima, quindi, non fermatevi ai soliti tabù – quelli che sin dall’infanzia hanno limitato la vostra capacità di andare oltre nelle cose quotidiane della vita – e lasciatevi tentare dalla possibilità di vivere qualche emozione in più, di farvi venire un groppone alla gola pensando di potervela spassare in compagnia della dolce metà e di un’altra persona.

A come… sesso a tre: una guida alla scoperta dei piaceri del sesso a tre

Come qualsiasi altra tipologia di esperienza erotica, non ci stancheremo mai di sottolineare come la stessa vada vissuta dal momento in cui sia desiderata da tutti i partner, evitando a questo proposito di forzare le cose: per quanto questa maniera di vivere l’erotismo sia sempre più diffusa, anche al di là degli schermi del mondo a luci rosse, non è ovviamente una cosa che faccia al caso di tutti quanti.

Rappresentando a questo proposito un tabù, è molto importante pensare che il sesso a tre debba essere prima di tutto oggetto di una richiesta al partner, comprendendo poi le ragioni dello stesso, tanto nel caso in cui dicesse di sì quanto nelle situazioni in cui dovesse rispondere negativamente: perché alla fine dei conti, si tratta di trasgredire insieme con un’altra persona, non è una semplice avventura che interessa soltanto voi stessi.

Un buon consiglio per vivere questa emozionante avventura, è quello di non lasciarvi impietrire (o irrigidire) dall’idea di condividere il letto con un’altra persona estranea al vostro abituale rapporto di coppia: in questo senso, non è utile stressarsi e mettersi ansia e, anzi, il segreto per essere vincenti con una pratica erotica di questo tipo, è proprio quello di mantenere la propria spontaneità negli atteggiamenti più intimi.

Talvolta, infatti, potrebbe verificarsi una situazione che dia letteralmente il la a questo tipo di esperienza: potrebbe bastare una di quelle feste in cui ci si lascia andare un po’ più del normale con l’alcool, magari in seguito ad un incontro con qualche persona davvero eccitante, e ci si ritrova tutt’e tre a godere dei piaceri della carne, come se fosse la cosa più normale di questo mondo. Non preoccupatevi di ciò e lasciatevi andare: solo così godrete!

Ricordatevi di riempire di attenzioni entrambe le persone coinvolte nell’esperienza del trio: in effetti, non è mai una cosa bella dimenticarsi di qualcuno e, evidentemente, se succedesse a voi di essere coinvolti nel sesso a tre da qualche persona, senza poi avere alcun ruolo nel piacere, senza raggiungere un orgasmo esplosivo, allora vi domandereste perché vi troviate in quel posto in quel dato momento senza un motivo.

A questo proposito, è importante considerare la necessità di trattare allo stesso modo entrambe le persone coinvolte nella scopata, avendo cura di incontrare anche il terzo membro del vostro trio del godimento, attendendo che pure questa persona riesca a trovare il suo posto nel vostro quadro ideale del piacere, senza che si ritrovi impreparata – magari giungendo nel momento in cui state già godendo – sentendosi di troppo.

Un buon suggerimento, d’altro canto, è quello di non considerare mai il romanticismo come una componente naturale del sesso a tre: in questo caso, si tratta infatti di lasciarsi andare al piacere, di concepire il vostro coinvolgimento unicamente per il raggiungimento di un intenso orgasmo, regalando anche alle altre persone le stesse sensazioni, ma senza pensare al terzetto come una situazione abituale da coltivare con coccole et similia.

Perché piace il sesso a tre

Per comprendere le ragioni del successo e della popolarità di questo modo di vivere la sessualità, bisogna considerare come il sesso a tre sia visto come una valvola di sfogo per esprimere desideri ed emozioni altrimenti non manifestate e, da questo punto di vista, dovreste sempre tenere presente come il threesome possa essere spesso vissuto nel modo giusto quando i rapporti sono ancora “acerbi”.

Una partner che condivide la sua vita erotica con un unico uomo da parecchio tempo, potrebbe concepire molto difficilmente il fatto di vedere un’altra donna alle prese con l’arnese di lui, soprattutto dal momento in cui questa persona potesse essere percepita come una vera e propria rivale e, non nel modo corretto, una semplice amante con la quale riscoprire un nuovo modo di lasciarsi andare ai piacere dell’eros.

Proprio per evitare questo tipo di situazioni, potrebbe essere buona regola quella di coinvolgere sempre nuove persone nelle vostre avventure a tre: del resto, se doveste avere a che fare sempre con una medesima terza persona, quest’ultima potrebbe rendere l’esercizio del threesome un’esperienza ormai banale ed omologata, qualcosa che trasmetti nulla di più di un’abitudine prossima al divenire logorante o prima di stimoli.

Del resto, sperimentando il sesso a tre con tante persone differenti, potreste anche scoprirne i relativi punti di vista circa la trasgressione e la voglia di raggiungere il massimo piacere. D’altro canto, però, dovrete anche essere pronti a farvi carico dei giudizi morali e della disapprovazione morale da parte della società relativamente a quelli che sono i vostri gusti erotici: il sesso a tre non è ovviamente una prassi ritenuta “ordinaria”.

Infischiandovene del giudizio morale degli altri, però, avrete la possibilità di vivere il sesso in modo ancor più coinvolgente: non è una sfida eccitante? Questo, tuttavia, a patto che tutti quanti i partecipanti al threesome percepiscano l’importanza di presentarsi puliti e con il giusto mood a questa sfida del piacere, senza trascurare l’igiene, proprio perché non è accettabile presentarsi sporchi o poco profumati ad un incontro a tre.

Una volta vinta l’iniziale resistenza al dedicarsi a questo tipo di esercizio, dovreste subito ricordarvi di come l’imbarazzo non sia mai giustificato dal momento in cui si parla di sesso e di piacere: il godimento non deve essere motivo di timidezza, né tantomeno di vergogna, proprio perché degli spiriti libertini non devono in alcun modo avere paura delle occasioni che si presentano loro per lasciarsi andare al piacere erotico.

Prestate molta attenzione, infine, al fatto che il sesso a tre sia un’esperienza appunto limitata a tre persone: per quanto possiate avere il cuore in gola all’idea di narrare delle vostre epiche gesta erotiche agli amici, ricordatevi che l’appuntamento è solo tra voi ed altre due persone, evitando di invitare individui la cui presenza risulterebbe ingombrante, compromettendo magari la buona riuscita dell’avventura erotica del threesome.

Come far funzionare il sesso a tre senza rovinare nulla

Il numero dispari, per eccellenza, porta a situazioni in cui vi sia uno squilibrio: due persone possono vedere le cose in una maniera, mentre la terza no. Ecco perché è molto importante che vi rendiate subito conto di quali siano i ruoli delle altre due persone coinvolte nel sesso a tre, e chi dirige il gioco e, al contrario, chi subisce invece il ruolo di sottomesso, giacché comandato dalla forza e dalla determinazione degli altri.

Nel dedicarvi all’esperienza del trio di piacere, osservate attentamente le emozioni e le sensazioni provate dalle altre persone: vi aiuteranno a vivere con maggior trasporto questo modo di assaporare il godimento e, soprattutto, evitate di considerare una persona come una proprietà privata, proprio perché il sesso a tre implica una condivisione, aspetto che non può mai essere sottovalutato da chi è coinvolto in questo esercizio.

Per invogliare anche le altre persone a dare il meglio di sé, non lesinate con i “complimenti” sporchi: dateci dentro con lo sproloquio, perché incitare a ciucciare o a fottere, magari condendo il discorso con appellativi quali “troia” o “porco”, è sempre il modo migliore per aggiungere un po’ di sapore al piacere del sesso, che deve essere libero anche da questo punto di vista.

In conclusione, ricordatevi bene delle persone che fanno parte della vostra avventura erotica a tre: fare tutto ciò con un’amica (o un amico) potrebbe essere un’esperienza appagante, ma al tempo stesso, potrebbe anche segnare la fine dell’amicizia (in tanti casi). Domandatevi quindi se non sia megilo coinvolgere una persona con la quale non avete un rapporto così stretto…

I commenti sono chiusi