Il mio elettricista è sexy

Aveva un culo eccitante

Era da un po’ di tempo che stavo pensando di sistemare l’impianto di illuminazione e così ho chiamato il primo elettricista che ho trovato sull’elenco telefonico e di cui avevo già sentito parlare da una mia amica. Si chiamava Lorenzo ed era un giovane di trent’anni circa che oltre a lavorare con la corrente si preoccupava pure di programmare portali web e cose simili. Insomma, un vero genio…io non ci capisco molto di computer 😛

Ad ogni modo, sono riuscita a fissare l’appuntamento alcuni giorni subito dopo e non appena arrivò rimasti davvero interdetta, poiché questo ragazzo era veramente irresistibile e, secondo me, poteva anche fare benissimo il modello. Comunque non appena arrivato ha subito piazzato la sua scaletta nel mio bagno ed ha cercato di aprire il cassettino dei cavi che rimaneva in alto. Dopo aver sistemato qualcosa, mi ha comunicato che era possibile realizzare un bell’impianto di illuminazione con dei faretti led e quindi, dato che la mia idea era proprio quella, sono rimasta subito molto felice.

Il giovane Lorenzo, dunque, è sceso dalla scala e mi ha riferito che sarebbe andare a recuperare il materiale nel suo magazzino ed un negozio di suo fiducia. Quindi, mi ha detto di attendere un’oretta circa e che sarebbe tornato con tutto l’occorrente per montare il nuovo sistema di illuminazione. Una volta tornato con tutto l’occorrente, si è tolto la maglia e salito nuovamente sulla scala e mi ha detto che ne avrebbe avuto per un po’, così ho proposto se voleva qualcosa da bere per dopo e lui mi ha chiesto un semplice bicchiere di té freddo.

Nel mentre, ho alzato lo sguardo in alto, verso il suo culo e mi sono accorta che questo era veramente da urlo! Aveva un culo scolpito e sicuramente faceva palestra per avere un corpo così bello. Anche la schiena era scolpita e gli addominali erano leggermente evidenziati. Insomma, aveva un corpo favoloso e lui, di certo, non si sarebbe mai accorto di me, anche se indossavo un vestitino nero sopra al ginocchio ed ero senza reggiseno, per sentirmi comoda.

Il sudore colava lungo la schiena

Durante il lavoro mi sono accorta che la stanza o la sua posizione sullo scaletto lo facevano sudare e quindi, l’ho buttata la, dicendogli se volesse farsi una doccia prima di andare via e di bere il suo té.

-Loretta, no, non vorrei disturbare, farò la doccia a casa.

-Figurati, non disturbi poi con questo caldo va a finire che accendi l’aria condizionata in auto e ti viene un raffreddore.

Va bene, grazie mille allora!

Così recuperai un asciugamano e gli indicai pure quali erano i prodotti da utilizzare. Lui, dunque, iniziò a levarsi i pantaloni mentre stavo ancora parlando e poi mi chiese pure sarei entrata pure io in doccia. Lì per lì mi misi a ridere, poi mi accorsi che la sua faccia era seria e non stava assolutamente scherzando. Quindi, mi afferrò un braccio e mi baciò all’improvviso, levandomi poi l’abito nero e facendomi rimanere in slip. A quel punto, dunque, non potevo certamente farmi indietro e lui si sfilò pure le mutande ed iniziò a segarsi il cazzo lì davanti a me. A quel punto, allora, capii che la cosa si stava facendo realmente seria e lui mi chiese pure se desideravo prenderlo in bocca. Un po’ per l’imbarazzo e  un po’ per l’eccitazione, mi misi in ginocchio sul tappeto, spostai i miei capelli su un lato ed iniziare a ciucciarlo.

Lui, per darmi il ritmo giusto, afferrò i miei capelli in una sorta di codino ed inizio a dondolarsi avanti e indietro per accellerare la penetrazione nella sua bocca. Il cazzo arrivava sino infondo alla mia gola e lo sentivo sempre di più ingrandirsi, fino a quando non mi ha detto che poteva bastare e che era tempo di entrare in doccia. io levai gli slip e rimasi completamente nuda davanti a lui che, proprio in quel momento, aprì l’acqua e fummo investiti da un getto di acqua tiepido, piacevole ed allo stesso tempo intenso proprio come la scopata che sarebbe partita da li a poco.

Quindi, si avvicinò dieto al mio culo e sentii il suo lungo cazzo già molto in tiro ed allungò la mano vero la mia passera: iniziò quindi a massaggiarmi leggermente il clitoride e poi sempre più velocemente, sino a quando non iniziò a sentire il mio respiro aumentare. Dopodiché, mi fece leggermente abbassare in avanti e iniziò a spingere il suo cazzo nella mia figa umida.

A quel punto il suo cazzo fu subito ingoiato dalla mia figa e poi, piazzando le mani sui miei fianchi, iniziò a piantarmelo per bene nelle figa. Spingeva, spingeva e spingeva ancora…il rumore della sua pancia contro il mio culo faceva eco nel bagno e le sue palle dondolavano ad ogni spinta più forte che mi dava. Oramai sentivo il suo cazzo grosso dentro di me, sentivo che qualcosa era pronto per scoppiare e farmi godere come una porca e, difatti, da li a poco a sborrato sulla mia schiena.

Dopo quella intensa scopata ci siamo lavati entrambi e non sono mancati altri gesti di eccitazione, tra cui un bacio con lingua davvero eccitante…chissà quando potrò nuovamente vederlo!

Brava Loretta, sei davvero in gamba con quello che fai: trombi e scrivi pure racconti erotici eccitanti. Speriamo continuerai così 😉

Il mio elettricista è sexy, di Loretta di Modena.

Prima edizione: Agosto 2016, by Atlantia Media.

© copyright MMXVI by Atlantia Media. Tutti i diritti riservati

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Il mio elettricista è sexy

  1. Tony dice:

    Buongiorno
    Nel racconto…molto eccitante…mi presento;
    Sono un quarantenne calabrese che lavora su navi da crociera come ufficiale Costa. Magari ne avete già fatta qualcuna. Mi reputo una persona abbastanza seria ma soprattutto molto riservata con priorità assoluta a educazione e rispetto reciproco. Mi piace la donna che veste bene elegante vedo non vedo. Donna di classe e insospettabile ..in una situazione con garbo e gusto!  Per i prossimi mesi mi trovo a roma…zona casal bertone, mi farebbe piacere conoscervi anche x caffe'.  Oppure anche se fate crociere potrebbe essere una cosa diversa…intrigante! Poi ci sarebbe possibilità di visitare la nave come miei ospiti piu o meno x mexxa giornsta nei porti di Venezia Savona dove capito spesso.Se dovesse nascere qualcosa deve succedere spontaneamente da entambi le parti. Le cose forzate non servono a nessuno …nulla x me è scontato come credo per voi!
    Disposto a mandare foto.
    In attesa di un vostro gentile riscontro vi auguro buona giornata
    magicoantonio@yahoo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.